Home it Italiano
Tutto quello
che devi sapere
sul Basso Lazio

Storia di Fondi

Abitata già in epoca preromana, Fondi ospita per primi il popolo degli Aurunci e poi dei Volsci. Sono davvero pochi i resti che attestino la presenza di queste popolazioni. In ricordo di quell’epoca antica infatti resta solamente una cinta muraria, in località Pianara.

Per avere le prime attestazioni storiche della reale presenza della cittadina dovremmo attendere il IV secolo a.C quando ricevette la cittadinanza romana, assieme alla vicina Formia. Solamente secoli dopo, nel 188 a.C otterrà piena cittadinanza, acquisendo dunque diritto di voto. Passa alla storia per essere stata patria natia della madre dell’imperatore Tiberio, e soprattutto è menzionata per la prestigiosa produzione vinicola e per il sublime Cecubo, vino bianco e liquoroso che più di una volta venne elogiato da Orazio e Marziale, e fatto assurgere secondo il dire di Plinio il Vecchio, a ruolo di migliore fra i vini.

Nel 312 a. C. prende avvio la costruzione della via Appia che incrementa l’importanza della città la quale acquista funzione di presidio sui confini del territorio romano, funzione che va lentamente riacquisendo in epoca medievale quando Fondi diviene patrimonio dello Stato Pontificio. La proprietà di questa terra passerà dalla famiglia dell’Aquila di origine normanna, ai Caetani e  fu poi degli aragonesi che la concessero ai Colonna. Diversi i saccheggi da parte dei saraceni che segnarono infine l’immancabile declino della città, che ancora oggi porta i segni di quegli antichi scempi.

In breve: La storia della città di Fondi dalle origini ai giorni nostri.
Booking.com

Tags: storia fondi