Home it Italiano
Tutto quello
che devi sapere
sul Basso Lazio

Storia di Formia

Complessa e movimentata la storia di Formia, conobbe un’origine pre-italica e aurunca. Questo è dimostrato dalla possente cinta muraria che ancora oggi si conserva lungo la costa, in quel quartiere noto con il nome di Castellone.

Secondo la leggenda, Formia è legata al pellegrinare di Ulisse e alla famosa città di Troia, ma soprattutto ai Lestrigoni, popolo rude e primitivo, di giganti e cannibali che decretarono la disfatta della flotta di Ulisse approdata in porto che riteneva sicuro. Solo l’eroe e la sua nave riuscì a salvarsi dalla furia di questo popolo.

L’etimo di Formia dovrebbe significare hormiai, ossia approdo, in greco antico, ad indicare la pace e la tranquillità del porto che si colloca ancora oggi al centro del golfo di Gaeta. Tra il V e il IV secolo a.C. la terra entra a far parte dei domini romani e ottenne lo status di  civita sine suffraggio nel 338 a.C.

Collocata in punto strategico e sicuro, viene fatta attraversare dalla quanto mai importante via Appia e nel 188 a. C. riesce ad ottenere la piena cittadinanza.  Località turistica molto apprezzata in tempo romano, era abitata da numerose ville patrizie e imperiali. Lo stesso Cicerone prescelse la cittadina per installarvi la propria villa di campagna, e sarà qui che per mano di sicari, troverà la morte. Con la caduta dell’impero e la discesa delle popolazioni barbariche, la città si spopola notevolmente.

Durante la seconda guerra mondiale i bombardamenti furono impietosi nei confronti della città. In moltissimi morirono, e buona parte del patrimonio artistico, che permane ingente, venne distrutto.

In breve: La storia di Formia, dalle origini preromane al dopoguerra.
Booking.com

Tags: storia formia